FLORESTA – OTTOBRANDO 2014

Floresta Ottobrando-0033OTTOBRANDO 2014 – IN CERCA DI AUTUNNO A FLORESTA L’anomalo andamento di questa prima metà di autunno sembra proprio voler dare ragione a un diffuso e famoso luogo comune secondo il quale “Non esiste più la mezza stagione”. In effetti le configurazioni bariche dei primi due mesi di autunno hanno visto la nostra regione pienamente conquistata dall’egemonia di cunei altopressori africani, enfatizzati da discese di aria fresca sulla Spagna e sul Portogallo.

In sostanza il caldo di un’estate 2014 piuttosto fresca è arrivato sulla nostra isola con un paio di mesi di ritardo e continua ancora a trattenersi in essa. Così l’autunno siciliano si è trasformato in un supplemento d’estate, che se non fosse per la riduzione delle ore di insolazione e l’inclinazione dei raggi solari sarebbe una manifestazione perfetta della nostra vera stagione calda.   Ciò nonostante la natura, seppur con le mille difficoltà create dalle anomalie meteorologiche, anche se  rallentata nel tempo da esse, ha espresso ugualmente il suo desiderio di autunno, proponendoci con grande risultato e impegno profumi, sapori, colori, atmosfere tipiche di questa straordinaria stagione dell’anno.

Il Comune di Floresta, come ogni anno, ci ha fornito la grande opportunità di godere di queste preziose ricchezze donateci dal creato. In tal senso è d’obbligo applaudire al successo delle iniziative dell’amministrazione comunale di Floresta perché esse ci permettono ogni anno di gustare in pieno tutta la bellezza dell’autunno. La sensibilità e l’intelligenza degli organizzatori dell’evento sapientemente indirizzate verso l’ascolto dei messaggi lanciati dall’autunno, nel lodevole intento di arricchire sempre il cuore dell’uomo  mettendo in comunione con tutti le proprie positive e appaganti esperienze, forniscono un’occasione preziosissima per immergersi nel cuore della stagione autunnale e per viverla in tutta la sua variegata bellezza e bontà. Certamente la posizione orografica di Floresta dà a questi giorni di ottobre un sapore prettamente autunnale, anche quando, come nel corrente anno, sulla costa continua a dominare indisturbata l’anomalia di una possente e calda estate. Gli abitanti di Floresta sanno bene che basta davvero poco perché questi magnifici giorni di autunno si trasformino in breve in un freddo anticipo di inverno. Occorre allora stare in allerta e non fidarsi mai dell’azzurro di un cielo sereno d’autunno, occorre preparasi all’improvviso e imprevedibile arrivo del rigore invernale. L’autunno è per istituzione la stagione in cui ci si prepara a tale passaggio. I profumi dell’estate sono ormai maturati e si sono concretizzati in una vastissima gamma di eccellenti sapori. Nei frutti dell’autunno possiamo rinvenire una delle migliori scorte necessarie per superare il freddo e la sterilità dell’inverno.

Nocciole, noci, mandorle, fichi secchi, castagne, mele, cotogne, mais, melagrane, funghi, provole, formaggi, salami, porchette, pancette, miele, legumi, cereali, e tutti i derivati che da questi prodotti si possono ricavare, raccolti e opportunamente proposti dai relativi produttori,  sono gli ingredienti essenziali e gli  attori principali di tutte le giornate che compongono Ottobrando 2014.

Attratti dall’invitante programma di Ottobrando, col desiderio di inoltrarci all’interno di una galleria di sapori e gusti autunnali,  abbiamo visitato l’importante manifestazione di Floresta potendo così catturare le meravigliose atmosfere che la montagna è in grado di donarci nel mese di ottobre. La galleria fotografica allegata ci mostra il volto culinario dell’autunno, un volto molto interessante e molto apprezzato dalle migliaia di visitatori che hanno partecipato all’evento.

Tra le varie delizie assaporate durante la suddetta manifestazione sentiamo il dovere di segnalare l’eccellenza dei prodotti   della ditta “Dolce Incontro” di Tortorici. L’elogio è obbligatorio perché l’intelligenza della titolare, Sig.ra Lidia Calà, ha saputo recuperare un prodotto tipico dell’agricoltura siciliana, la nocciola dei Nebrodi, per lavorarlo e rielaboralo in modo da ottenere da esso una gamma piuttosto varia di prodotti nuovi e antichi il cui gusto  è una eccellente delizia per il palato e per il cuore. La fantasia, la serietà, la professionalità e le capacità dell’ideatrice di questo progetto di recupero della nocciola dei Nebrodi, sono state premiate e riconosciute a livello siciliano, oltre che dal successo riscosso nel pubblico, dall’importante premio  Best in Sicily 2014 come migliore pasticceria della Sicilia, un riconoscimento che non premia solo l’eccellente qualità dei prodotti di Dolce Incontro  ma anche l’importante finalità del progetto di recupero della nocciola dei Nebrodi.

Nel rivolgere i nostri complimenti alla Signora Calà Lidia, ci auguriamo che la sua iniziativa possa fungere da sprono e da esempio per l’intelligente recupero di tutte quelle risorse antiche che la vocazione agricola dei nostri territori è in grado di fornire. Agrumi, mandorle, mele, uve, castagne, noci, fichi secchi, cereali, legumi e tantissimi altri prodotti, la cui  coltivazione è stata abbandonata, opportunamente lavorati ed efficacemente rielaborati potrebbero così ritornare a svolgere un ruolo importante nell’economia locale, con benefici effetti anche sul paesaggio e sull’assetto del territorio.

I doni del creato sono gli unici doni in grado di salvare la natura, l’uomo e l’ecosistema associato, si tratta solo di capire che nel progetto della creazione divina Dio ha dato all’uomo una parte che gli consente di rendersi più attore della creazione che suo consumatore e sfruttatore.

Capo d’Orlando 21/10/2014

Dario Sirna

 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.